Associazione Ad Gentes Equo Solidale dal 1994!

La lana di alpaca

Circa 4.000 anni fa, risulta da geroglifici trovati in Perù, furono addomesticati gli alpaca, primo bestiame domestico nel mondo. Divennero importanti negli allevamenti domestici degli Inca, i quali ricavavano pelli, lana e carne.

Con la conquista spagnola del Perù, gli alpaca furono quasi completamente annientati per rendere disponibili i pascoli ai greggi di pecore. Per salvare gli alpaca i peruviani spostarono gli animali dai bassi pascoli di Puno Baja agli altopiani di Puno Alta dove le pecore non possono vivere.Gli alpaca si ambientarono sulle Ande peruviane sopportando temperature rigide di notte e calde di giorno con un tasso di ossigeno ridotto. Con la colonizzazione spagnola gli alpaca subirono una diminuzione numerica al punto tale che la varietà Sun oggi occupa appena l'1% della popolazione mondiale, per cui rischia l'estinzione. Oggi l'alpaca viene allevato, oltre che nei sopracitati Paesi anche in Germania,Svizzera e Inghilterra, dove si stimano 3.000 capi e nelle paludi umide del Mississipi, nel caldo Texas, in Canada e nel deserto australiano.

 

L'ANIMALE 

Appartenente alla famiglia Camelidi, assai affine al guanapo, può vivere fino a 30 anni. Ha manto con pelo lungo, folto i cui colori naturali sono davvero vari: dal bianco al nero, fulvo, grigio, cioccolato. Si nutre di fieno e soprattutto ama pascolare e nutrirsi dell'erba del pascolo. 

 

PRODUZIONE E QUALITA' DELLA LANA 

La lana di alpaca è largamente impiegata nell’abbigliamento per le sue rinomate qualità: è un filato liscio, leggero, di altissima qualità e molto caldo

A seconda dell'età un'alpaca può produrre da 3 a 6 kg di lana all'anno, per cui in 30 anni di vita ne produce circa 120 kg. La tosatura può essere effettuata ogni anno in primavera, prima dell'estate, onde evitare che l'animale possa soffrire il caldo e morire. 
La lana di alpaca più fine viene lavorata nel suo colore naturale con il sistema di filatura pettinata e destinata alla maglieria esterna di alta qualità; quella media è impiegata per la produzione di tessuto tipo loden, il pelo più scadente è usato per foderami, filtri e cinghie.