Associazione Ad Gentes Equo Solidale dal 1994!

DONA!

A Natale regala i CESTI EQUOSOLIDALI

Aiutaci a donare una visita oculistica alle artigiane di Asarbolsem! 

 

 

 

PRIMA DI PARLARE DI NATALE SOLIDALE, VI INFORMIAMO CHE IN DATA 02/11/2017 ABBIAMO CONCLUSO LA RACCOLTA FONDI A FAVORE DI

DANIEL MORALES. GRAZIE di cuore a tutti coloro che hanno partecipato. QUI SOTTO I NUMERI DEL PROGETTO. 

 

Daniel Morales è il responsabile dei magazzini Asarbolsem e della distribuzione della materia prima a tutti i grugppi artigiani: un ruolo cruciale che porta avanti da tantissimi anni con dedizione.

E' affetto da un problema cardiocircolatorio che lo affligge da moltissimi anni impedendogli di avere una vita normale a livello lavorativo e di mobilità. Daniel quando non è più riuscito a sopportare il male che il suo piede gli procurava si è rivolto a dei medici generici che gli hanno prospettato l’amputazione come unica soluzione. Il nostro consiglio è stato di fare delle visite più approfondite e specialistiche offrendoci di sostenerne i costi. Il percorso fino ad oggi non è stato facilissimo e solo l’ostinazione e la determinazione della Presidente di Asarbolsem hanno fatto si che Daniel non si lasciasse scoraggiare e proseguisse nei vari consulti ed analisi che lo hanno portato a:

-      individuare la ragione del problema: circolatoria

-      definire la cura più opportuna: si tratta di una cura lunga che Daniel ha iniziato a luglio 2017 e che sta cominciando a dare benefici. 

“Daniel non ha più il terribile male alla testa e al petto oltre al malessere generale che i problemi circolatori gli procuravano” questo quanto ci hanno scritto il 24 agosto scorso.

 I costi sostenuti fino ad oggi in Bolivianos sono i seguenti: 

 

Consulto traumatologico

31,50

Radiografia piede sinistro

40,00

Controllo traumatologico

20,00

Ecografia venosa specifica

385,00

Costo complessivo delle cure indispensabili

6.000,00

Medicinali consigliati

124,50

Totale

6.601,00

Per complessivi € 810,00.

Grazie alle donazioni di alcuni soci, volontari e simpatizzanti di Ad Gentes, la cifra di 810€ è stata raccolta e a lui verrà destinata. 

Grazie di tutto cuore a quanti hanno reso possibile questo sogno!

 

I nostri obiettivi del 2018 sono a sostegno di persone vicine ad Asarbolsem (Bolivia) e sono due:

- sostenere Anita, una ragazza di 18 anni, rimasta orfana molto piccola e cresciuta con i nonni, che oggi ha un bimbo di 10 mesi ma che si trova abbandonata dal compagno e senza lavoro. Il nostro desiderio è poterla inserire nell'organico di Asarbolsem e darle così un lavoro. La raccolta fondi sarà così volta a pagare lo stipendio che Asarbolsem non potrebbe garantire. 

- sostenere la crescita di due bambini, Alexis (5 anni) e Jesus (2 anni) figli della signora Liset Anai Huanca Torrez, artigiana del gruppo "9 de Enero" e aiutante nelle pulizie della Casa de l'Artesando di Asarbolsem. Liset è stata abbandonata dal marito e proviene da una famiglia senza possibilità economiche. Ha grandi difficoltà nel mantenere i bambini e gli studi del più grande dei due. Vogliamo darle un sostegno affinchè l'infanzia di questi bambini possa essere un momento da ricordare con gioia.

 

Chi lo desidererà potrà contribuire donando quanto può sul nostro conto corrente intestato a Associazione Ad Gentes

BANCA POPOLARE ETICA sede di Milano

IBAN IT05M0501801600000000000565

Indicando nella causale "Donazione" ed il nome del beneficiario.

Vi preghiamo di informarci con una mail adgentes@ tiscali.it o telefonicamente 392 9954877 al fine di farvi avere il resoconto del progetto e la dichiarazione per la deducibilità dal 730 della vostra donazione.

 

 

 

 VEDERCI SOLIDALE: IL PROGETTO DEL NATALE 2017 

 

 

A febbraio 2017 abbiamo visitato il progetto Asarbolsem in Bolivia insieme alla Coop. Equomercato di Cantù, nota centrale di commercio equo e solidale.

Insieme abbiamo sviluppato un progetto che si chiama "Vederci Solidale" che si propone di supportare l'associazione Asarbolsem nella cura di uno strumento di lavoro fondamentale: la vista. A ogni donna coinvolta nel progetto verrà offerta una visita oculistica gratuita

Asarbolsem si occupa di tessitura in lana di alpaca e grazie alla vendita dei prodotti sostiene le donne lavoratrici e le famiglie in difficoltà nella periferia di La Paz in Bolivia.

 

Equomercato per questa occasione ha preparato delle proposte di cesti natalizi: 1 euro del prezzo di vendita sarà destinato a sostenere il progetto e quindi le nostre donne. Ogni cesto sarà corredato da un biglietto informativo in cui vengono spiegati gli intenti del progetto.

Si tratta di cesti in fibre naturali dal Bangladesh o dal Vietnam con alimentari del commercio equo che Equomercato distribuisce: riso rosso e sugo pili pili, una selezione di tisane ayurvediche, biscotti dall'economia carceraria, confetture dal Kenya e tanti altri!  

Scarica il modulo ordine con tutti i cesti disponibili.

Allegati:
Scarica questo file (ADG_ModuloOrdine_2017_vederci solidale.xls)Modulo Natale 2017 Vederci Solidale[ ]1069 kB14 Downloads

Li vuoi ordinare? Compila il file e invialo via mail a adgentes @tiscali.it. Raccoglieremo gli ordini sino al 4 dicembre 2017. Per ordini oltre quella data contattare preventivamente Erica 392 9954877

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I PROGETTI SOCIALI CHE ABBIAMO SOSTENUTO

Dal 1998 AD GENTES collabora attivamente con gli artigiani di Senor de Mayo, ed è diventata un’importante canale di importazione dell’abbigliamento in alpaca prodotto e distribuito attraverso il commercio equo e solidale, ma negli anni, si sa, il commercio – sebbene solidale! - non è tutto: è nata infatti un’amicizia che lega noi e gli artigiani di Senor de Mayo e che ha permesso di fare qualcosa di più! Ad Gentes ha incominciato con un piccolissimo ordine per poi diventare un punto di riferimento per l’intera Associazione andina, distribuendo oggi i suoi prodotti a circa 70 Botteghe del nostro Paese. Nel corso del 2008 Ad Gentes è stato il primo importatore a livello italiano dei prodotti ASARBOLSEM, con un totale di acquisti pari a 56333.35$ (l’85% di quanto ASARBOLSEM distribuisce in Italia) mentre già da qualche anno è l’unico importatore a livello italiano. Oggi Ad Gentes investe molte energie nello studio dei prodotti - perseguendo la logica del mescolare una buona dose di tradizione coi colori ed i design del mercato occidentale - e nel mantenere rapporti che vadano oltre la sfera commerciale, quali il sostegno alle famiglie in difficoltà e l’aiuto diretto al miglioramento delle condizioni di lavoro degli artigiani.

Asarbolsem è da sempre un punto di riferimento nella città di El Alto per tutte le persone in difficoltà, che bussano alle porte della Casa de L’Artesano per avere sostegni di qualsiasi genere, alimentari, economici o anche solo psicologici. Da oramai una decina di anni. L’associazione Ad Gentes sostiene attivamente persone in difficoltà che vivono in Bolivia, grazie proprio al tramite di Asarbolsem, che monitora di continuo le situazioni famigliari difficili dei propri artigiani e le comunica ad Ad Gentes, permettendoci così di avere una base d'appoggio fidata.

La casa di Asencia, artigiana di Asarbolsem, durante la costruzione nel corso del 2012. Grazie alle tre coppe sposi che hanno voluto contribuire ad un sogno!Ad Gentes – grazie all’attività della Bottega – riesce a raccogliere le adesioni delle coppie di sposi che nel celebrare il proprio Matrimonio o un Anniversario speciale decidono di rinunciare ai regali e raccolgono dei soldi per sostenere situazioni di disagio sociale. E’ stato così possibile andare incontro negli anni a varie persone e donare loro borse di studio nel caso di ragazzi orfani o con difficoltà economiche, alimenti per neonati nel caso di mamme vedove, abitazioni o ristrutturazioni a famiglie che vivono in ambienti domestici poco consoni. 

 

LA CASA DE L’ARTESANO

Il 6 febbraio 2008 è stata una giornata storica per Asarbolsem ed Ad Gentes: una nostra delegazione (ovvero il Presidente dell’Associazione, Andrea Reina, ed uno dei membri fondatori, don Daniele Baldi) ha sfidato i 4000 metri di altezza di El Alto, La Paz, Bolivia, per partecipare alla Pacha Mama in favore della neonata “casa de l’artesano”, nuova sede operativa di Senor de Mayo – ASARBOLSEM.

 La casa de l'Artesano in costruzione, agosto 2006

Nel 2006 Asarbolsem ci ha proposto di finanziare buona parte della costruzione de La Casa De L’artesano con 30,000$ e oggi ricordiamo tutti con un sorriso quella sera alla riunione dove ci siamo ci siamo guardati in faccia con una perplessità non indifferente: ci pareva una cifra davvero consistente e impossibile da raccogliere! Poi abbiamo unito le forze e abbiamo deciso di provarci! Ognuno di noi si è reso consapevole che la crescita della piccola impresa di artigiani era legata anche alle condizioni di lavoro ed eravamo certi che promuovere opportunità di sviluppo in questa direzione fosse uno dei principi guida del Commercio JustoLa Casa de l'Artesano oggi, una sede ospitale e accogliente per tutti gli artigiani e non solo...

Dapprima due volontari sono andati in Bolivia per vedere la fattibilità del progetto: si trattava di una costruzione di tre piani – su un terreno acquistato da Senor de Mayo tramite una forma di finanziamento sociale - atta ad ospitare la gestione amministrativa, parte della produzione, il controllo qualità e la formazione dei nuovi gruppi artigiani. Data la serietà delle intenzioni, Ad Gentes si è impegnata nella ricerca dei fondi in parte tramite la vendita dei prodotti in alpaca alle Botteghe e parte tramite il cinque per mille e la donazione dell’ufficio missionario diocesano.

 

La Bottega del Commercio Equo: la prima in Bolivia!Sommando tutto, ma soprattutto con il grande impegno dei nostri volontari, la cifra di 30.000 dollari è stata raggiunta e La Casa De L’artesano è diventata una realtà sostenibile che ospita lavoratori e lavoratrici in crescita e che un domani potrà accogliere anche gruppi di turismo responsabile.

La nostra convinzione si è basata sul fatto che lo sviluppo della piccola impresa di artigiani è anche legato alle condizioni di lavoro degli stessi e questo è stato un modo per offrire nel medio periodo un'opportunità di migliorarsi nel quotidiano, avendo la certezza di una sede operativa stabile, punto di riferimento per i lavoratori e di richiamo per altri uomini e donne bisognosi.

 Oggi la casa dell'artesano è una realtà funzionante, con zone adibite al lavaggio delle lane, alla tintura, all'insegnamento delle tecniche utilizzate, al controllo qualità, ma ospita anche il centro amministrativo dell'associazione, una bottega per la vendita dei prodotti in loco e a breve saranno pronte le "stanze dei cinque continenti", dove i visitatori potranno alloggiare, mentre curiosano fra le mille attività di quest'associazione dinamica!